Stand Up Comedy: Yotobi e vKlabe al Linea Ciak di Milano – L’Analisi

 

Mercoledì 9 dicembre mi sono recato al Linear Ciak per vedere lo spettacolo di Karim Musa (Yotobi) e Vincenzo Bordoni (vKlabe). Due youtuber, uno palesemente più famoso dell’altro, molto bravi e capaci di fare intrattenimento sul brodcaster più famoso del pianeta. E’ ovvio che portare a teatro, e che teatro, uno spettacolo di Stand Up Comedy non è di certo una passeggiata, soprattutto per due ragazzi che non hanno mai, o almeno cosi dicono, fatto spettacoli in giro per l’Italia.

Yotobi (Qui l’intervista) ha sempre cercato, con le recensioni, con mostarda e con i cortometraggi, di fare della comicità, c’è a chi piace e a chi no –è soggettivo– ma vKlabe, per quel che ho visto io, ha sempre affrontato il tubo in modalità “discussione”, ossia, prende un tema e ne parla cercando una chiave di volta del discorso per far pensare e ragionare i suoi “seguaci”.

Detto ciò l’impatto che Vincenzo ha avuto sul pubblico milanese è stato straordinario. Personalmente ho trovato la sua mezz’ora di intrattenimento divisibile in due tronconi. Dove il primo è molto più interessante e divertente del secondo. La seconda parte parla di religioni ma non è bigottismo, francamente a me “fregacazzi” ma ho trovato quella parte meno divertente della prima. Non per l’argomento in sé ma ho trovato troppe forzature e talvolta un eccesso di volgarità abbastanza evitabile. Comunque sia i suoi 30 minuti  sono scivolati via molto velocemente e questo significa che la risata è assicurata. Ora capisco perché lo spettacolo è vietato ai ragazzi con meno di 17 anni….”la prendo larga ci sono i vulcani eruttivi e”….vabbé chi ha potuto vedere lo spettacolo capirà.
Vincenzo, come Karim, è un “comico” alle prime armi ma comunque ha talento, sa far ridere. A mio parere dovrà lavorare un po’ sulla fisicità. Con il corpo può fare ancora più ridere, deve solo capire come utilizzarlo al meglio. Il copione porta il suo spettacolo, dal nome “Reflusso d’incoscienza“(e capirete perché si chiama cosi), alla durata di 30 minuti circa, credo che l’obiettivo sarà quello di farlo durare un’oretta tonda cosi da poter intrattenere in solitaria il pubblico per un’intera serata. Il mio voto alla sua performance è comunque molto alto, anche perché nella fase finale di “Domande & Risposte” (evitabile, soprattutto se si i due comici vogliono intraprendere questa carriera) aveva sempre la battuta pronta ed è una cosa che apprezzo moltissimo.

VALUTAZIONE

7

 

 

Arriviamo a Karim. Non c’è stata pausa tra uno spettacolo e l’altro, una volta finito “Reflusso d’incoscienza” è cominciato “Peli Pubblici” di Yotobi. Poco più di un’ora di spettacolo, se ho contato bene, tra grasse risate, medie risate e semplici sorrisi. Conoscendo Karim come youtuber e conoscendo ed apprezzando il suo lavoro sapevo già prima dello spettacolo che la sua performance sarebbe stata una velocissima montagna russa dell’umorismo, prima su, poi giù, poi si risale e si riscende. E’ normale. Ogni comico ha dei picchi nel proprio spettacolo e dei punti meno divertenti ma la sua presenza, il suo carisma ha reso anche le parti meno comiche molto intime ed amichevoli. Sembrava di essere al bar (e che bar, 1500 posti occupati al Ciak di Milano) e sentirlo parlare delle cose che li sono capitate nella giornata. Questo suo modo semplice di raccontare e di divertire è molto naturale e mai forzato ed è per questo che nonostante alcune battute siano state meno piene di ilarità di altre rimani comunque persuaso ed affascinato dalla sua prestazione.

Anche “Peli pubblici” è leggermente volgare, certo, come Karim stesso afferma durante lo spettacolo non c’è paragone tra il linguaggio utilizzato dall’uno  rispetto all’altro. Si parla di sesso, di famiglia, di tette, di religioni e di tantissime cose. Più di un’ora passata davvero tra sorrisi e lacrime. Per essere alle prime armi, come comico su un palco, davvero un bello spettacolo.

Ah, dimenticavo il siparietto di Matioski e Victorlaszlo88 -manie di protagonismo- e la domanda bastarda, ma che tutti avremmo voluto fare, del Tizio Qualunque, che nello specifico ha chiesto: “e mo? Che si fa? Che farete?”. Giusto per dire, siete bravi, fatelo sto salto.

VALUTAZIONE

number-8-md

L’esperienza di “Stand up Comedy” è stata davvero positiva per entrambi gli youtuber e spero che non si fermeranno qui e anzi continueranno a fare più serate, solo cosi potranno migliorare il copione, migliorare l’esposizione e migliorare in generale la loro performance. Sono comunque rimasto soddisfatto poiché non mi ero posto grosse aspettative poiché i video e il teatro sono due medium completamente diversi, quasi agli opposti della comunicazione, ed invece sono stato davvero colpito. Complimenti, ad entrambi!

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...